p  o  l  i  f  o  n  i  c  o  
  p  o  e  t  r  o  n  i  c  o

Le diapositive destinate all’ambientazione di "Improvviso polifonico-poetronico", performance di Agostino Di Scipio, con la partecipazione dei poeti Mariano Baino, Mario Lunetta e Anna Maria Giancarli, sono nate dalla concreta manipolazione di frammenti di testi fotocopiati, ritagliati, sovrapposti...

Un’ulteriore fase di elaborazione fotografica (non digitale) ha reso poi del tutto autonome le immagini.

Tutto il processo stato condotto agendo con immediatezza e accogliendo nelle immagini anche segni imprevisti che casualmente venivano a interagire con le parole.

Solo a lavoro concluso stato evidente quanto sia il valore grafico che il significato stesso delle parole avessero influito sulla composizione, e come la potenza poetica di fonemi e versi avesse agito come forza aggregante o respingente dei diversi segni, dando vita a intrecci, linee, grumi, reti, raggiere…

 

p  o  l  i  f  o  n  i  c  o 
  p  o  e  t  r  o  n  i  c  o